• Come sarà il Twitter di Musk? Tre scenari (non bellissimi)

    The Atlantic // Newsletter // Corriere della Sera

    (a cura di Gianluca Mercuri)

    E ora che Elon Musk si è ufficialmente preso Twitter, come cambierà il social network non certo più popolare, ma per molti versi più influente nella sfera del discorso pubblico? L’utopia dell’uomo più ricco del mondo — «ideologicamente liberista e libertario, allergico alle regole, che ha già detto di voler rivoluzionare la piattaforma, eliminando ogni limite all’accesso sulla base di un’interpretazione radicale del free speech», ha scritto Massimo Gaggi su Corriere della Sera — renderà davvero la piattaforma più simile alle sue premesse e promesse fondative, quella di essere «l’ala più favorevole alla libera espressione del partito della libera espressione»? E un eventuale ritorno di Twitter al far west espressivo servirà perlomeno a contrastare, se non impedire, la dittatura del politicamente corretto che preoccupa molti osservatori? Oppure — paradossalmente — rilancerà la necessità di quella cultura, non certo nei suoi eccessi e fanatismi (la cancel culture) ma nel suo obiettivo originario di paladina delle minoranze?

    Sono interrogativi attorno ai quali gira molto del futuro delle democrazie, perché della democrazia toccano ogni nervo cruciale: trasparenza/opacità, libero confronto/manicheismo, libera espressione/propaganda nefasta. Nel caso di Twitter, in particolare, tutto gira attorno al tema della content moderation, il controllo dei contenuti che portò il social a estromettere Donald Trump con una decisione talmente enorme da occultare il resto, gli anni di spazzatura riversata su tutti i social, e il fatto che i social e tutta la Rete siano in mano a pochi stramiliardari. È questo, per esempio, l’aspetto al centro di una delle analisi dell’Atlantic affidata a una dottoranda di Harvard: «Una manciata di persone — per lo più uomini e per lo più nella Silicon Valley — decide se i media russi possono avere account social, se un post controverso sul coronavirus debba essere amplificato o rimosso e se l’ex presidente degli Stati Uniti perderà la sua linea più diretta con il pubblico globale», scrive Evelyn Douek sul sito di Atlantic. Purtroppo, siccome l’umorismo di Giorgio Gaber è applicabile su scala planetaria, sembra che il controllo dei contenuti sia una cosa di sinistra — e infatti dell’esclusione di Trump gioì la sinistra mondiale — e il laissez-fare sia anche qui di destra, e infatti «molti a destra credono di essere ingiustamente presi di mira dai dirigenti di sinistra della Silicon Valley e possono festeggiare un Twitter più a ruota libera se Musk si sbarazza di molte delle sue regole». Non a caso, la sua scalata è stata sbloccata al Congresso dal pressing del Partito repubblicano.

    Ad approfondire le conseguenze della presa di Musk, sempre sull’Atlantic, è però Charlie Warzel, un esperto che alla moderazione di contenuti si dedica da anni. Gli scenari possibili, a suo avviso, sono tre, e il più probabile un mix tra i primi due.

    Lo scenario cupo

    È quello in cui Twitter rinuncia a qualsiasi filtro e controllo e, diciamo così, riapre le fogne. In questo caso non sarebbe libero di tornare solo Trump, il più noto tra gli «agenti del caos», ma qualcosa e qualcuno di ancora più estremo ed estremista: «Molti altri account verrebbero reintegrati, forse anche quelli di molestatori seriali e venditori di teorie della cospirazione. Ma il modo migliore per pensare allo scenario più cupo non è quello di concentrarsi su ogni singolo account, ma di pensare all’effetto aggregato», quello della piattaforma che all’improvviso «si inonda di tutta la spazzatura tenuta a bada per un po’».

    C’è anche una sotto variante dello scenario-cupo, ed è lo scenario cupissimo: «Quello in cui l’uomo più ricco del mondo gestisce una piattaforma di comunicazione in un modo veramente vendicativo e dittatoriale», ovvero «come strumento politico per promuovere programmi di estrema destra e per punire quelli che lui chiama liberal avvelenati nel cervello». È uno scenario che i più pessimisti temono anche per i risvolti sulla privacy — che farebbe un uomo così mal disposto dei nostri dati personali, e dei nostri messaggi diretti non criptati? — ma che Warzel giudica improbabile perché «scatenerebbe una rivolta degli attuali dipendenti, che dovrebbero essere sostituiti da gente che condivide i valori di Musk». Ecco il famigerato politically correct che, nella sua versione originaria di vigilanza democratica e non in quella degenerata di censura occhiuta, ci salva un po’ tutti.

    Lo scenario strano/caotico

    È quello che vede Musk interessato soprattutto agli esperimenti per «democratizzare» Twitter. Quello più probabile è l’edit button, il pulsante che consentirebbe di modificare i tweet, su cui ha lanciato un «sondaggio» che ha visto a favore tre quarti dei rispondenti. In questo quadro, il miliardario farebbe continue prove all’insegna del «Twitter appartiene al popolo. Stiamo riportando Twitter all’open internet», con tanto di hashtag #decentralizedtwitter. Tutte mosse che potrebbero avere sviluppi o non averne affatto, in base a un’«etica del rompere le cose» fondamentalmente populista che destruttura e ristruttura in base a canoni apparentemente spontanei e invece pilotabili a seconda di umori e preferenze del controllore in capo (se vi vengono in mente il grillismo e Rousseau siete sulla buona strada). Warzel: «L’etica del rompere le cose è quella a cui penso di più quando considero un Twitter di proprietà di Musk: un sacco di costruzioni veloci, lanciando merda contro il muro, con pochissima considerazione delle conseguenze».

    In questo scenario avrebbero spazio anche i buoni propositi di Musk sulla trasparenza dei processi interni al social, a cominciare dall’intenzione di rendere open-source gli algoritmi di Twitter e dunque le modalità in cui i contenuti vengono promossi o rimossi. Tutto molto bello, se non fosse che l’«opacità» degli algoritmi serve anche a renderli inespugnabili dai malintenzionati (siano neonazisti, agenti putiniani o semplici spammer).

    Lo scenario «ritorno al passato»

    Ecco il mix dei primi due che va considerato l’esito più plausibile. A renderlo tale è il fatto che molti dei cambiamenti che Musk suggerisce sono già stati tentati (o applicati) da Twitter, e che la sua visione è alquanto distorta dall’avere 80 milioni di follower. È facile che un uomo dalle mille passioni possa rapidamente stufarsi di Twitter e rinunciare a tutti i propositi innovativi se non a quello più semplice: farlo tornare al 2016. «Non sarebbe una buona cosa», dice l’esperto. E spiega perfettamente perché: «Twitter nel 2016 era un posto spesso orribile, soprattutto se eri una donna, un ebreo, una persona di colore o un membro di un qualsiasi gruppo minoritario. Perché Twitter è ancora un posto orribile, ma con molti più strumenti — come l’impostazione su chi può vedere o rispondere ai tuoi tweet — che le vittime di molestie possono impiegare. Alcuni sembrano aver dimenticato che le molestie più sfacciate e vili passavano praticamente senza controlli».

    Beninteso: Charlie Warzel non immagina un Twitter che sotto Musk venga «magicamente trasformato in una cloaca totale di odio, molestie e false informazioni». Ma immagina un degrado progressivo che possa accelerare all’improvviso, in cui «si vedano più molestie mirate alle donne, alle persone di colore e alle comunità LGBTQIA». Immagina una «direttiva organizzativa» che esautori di fatto i team di Trust and Safety — i moderatori di Twitter — e renda molto più complicato colpire gli account che ne violano le regole. «L’attenzione di Twitter nel dare priorità alle “conversazioni sane” non sarà solo attenuata, ma apertamente derisa come una sorta di sogno irrealizzabile». In quest’ottica, il nichilismo e lo shitposting tornerebbero insomma a spadroneggiare.

    Il 2016 era l’anno in cui l’Isis poteva ancora postare le sue decapitazioni, in cui i neonazisti avevano ampio spazio, in cui il 90% delle segnalazioni di abusi non trovavano risposta. La previsione di Warzel suona quindi piuttosto pessimistica, forse troppo. Elon Musk direbbe che un ritorno a questi orrori è impossibile, e che innovare vuol dire trovare il massimo della libertà espressiva e il massimo della protezione degli utenti. «Ma sappiamo assolutamente cosa succede quando Twitter allenta le sue regole»: succede che «diventa molto più facile molestare e farla franca».

    Il punto è Musk incarna perfettamente la vaghezza del Twitter originario, quando era uno strumento comunicativo indefinito e indefinibile per definizione. Jack Dorsey, il fondatore, diceva che «Twitter ti avvicina». Quando gli chiedevano «a che cosa», rispondeva che «sono i nostri utenti a finire la frase per noi». È uno spirito totalmente alla Musk, ci avverte questo grande esperto americano, «uno spirito che ha una comprensione superficiale dei modi in cui la piattaforma modella le dinamiche sociali, politiche e culturali, e uno strano disprezzo per le sfumature nel pensare a questi temi. È anche uno spirito guidato dalla spavalderia e dall’arroganza, nel pensare di essere abbastanza intelligenti da risolvere l’enigma — incredibilmente spinoso — di come si possa democratizzare il discorso pubblico mantenendolo al tempo stesso sano».

  • Benvenuti

    Questo è il blog di Cluster digitali. Brevi note, riflessioni, rassegna stampa e long reads sui temi dei digital media da approfondire o discutere a lezione o nei commenti.

    Buona lettura!

Crea un sito web o un blog su WordPress.com

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito